Visitare Sarteano

Cosa vedere a Sarteano visitare un borgo ricco di storia, etrsuchi, medioevo e rinascimento 4/9/2015

CONDIVIDI

Dovete visitare Sarteano, un delizioso borgo arroccato tra la Val d'Orcia e la Valdichiana famoso perché conserva alcune delle tombe etrusche più belle della Toscana e per la tradizionale giostra del Saracino. Un borgo abitato fin dall’antichità come testimoniano i numerosi ritrovamenti custoditi nel Museo Etrusco, ma anche lo splendido Castello del X secolo, le chiese ed i palazzi, il tutto nella cornice di un paesaggio mozzafiato. Sarteano si trova a soli 8 Km dal nostro agriturismo Palazzo Bandino, ma vediamo meglio cosa vedere in questo caratteristico borgo…



Fino a poco tempo tempo fa Sarteano era un borgo pressoché sconosciuto ma anche se un po’ fuori dai tradizionali itinerari, merita sicuramente una visita: non importa se siete interessati agli Etruschi al Medioevo o al Rinascimento, Sarteano saprà emozionarvi e offrirvi tutto ciò che state cercando.

La prima cosa che colpisce quando si visita Sarteano è senz’altro il Castello, ma prima di arrivare alla rocca bisogna immergersi in un piacevole viaggio nella storia tra palazzi nobiliari e vicoli caratteristici.
Ci si imbatte subito nella piazza principale dove le antiche logge costituiscono l’elegante androne del Teatro degli Arrischianti, un vero e proprio gioiello che ogni anno si anima con stagioni teatrali di tutto rispetto.

Proseguendo dovete assolutamente visitare la Chiesa di San Martino in Foro, al cui interno sono custoditi capolavori come l’Annunciazione di Domenico Beccafumi del XVI secolo. Questa splendida chiesa, un tempo situata nella piazza, venne interamente smontata e ricostruita dove si trova attualmente nel 1800.
Ma i veri protagonisti di Sarteano sono gli etruschi, e se anche voi, siete affascinati dalla leggenda sulla tomba del Lucumone Porsenna e del suo carro trainato da pulcini d’oro, non vi resta che visitare il Museo Civico Archeologico che si trova all’interno di Palazzo Gabrielli, poco distante dalla piazza. I reperti custoditi nel Museo Civico sono stati rinvenuti nelle zone che circondano il paese e se volete conoscere ancora meglio il misterioso popolo degli Etruschi dovete assolutamente visitare la Tomba della Quadriga Infernale presso la Necropoli delle Pianacce, poco distante dal centro e visitabile su appuntamento. A questo punto è doveroso aprire una parentesi su questo eccezionale sito archeologico. La tomba è scavata nel travertino a cinque metri di rotondità con un dromos di accesso di venti metri. Decorata con uno splendido è ciclo pittorico sorprendentemente conservato e molto curioso, la pittura della quadriga, che da il nome alla tomba è composta da due leoni e due grifoni che trainano un carro condotto da un demone dall’aspetto terribile. Si tratta del demone Charun, la versione etrusca del Caronte greco che accompagna le anime verso l’Ade, ma la particolarità sta nel fatto che sia un auriga come non è mai attestato nelle raffigurazioni dell’arte etrusca. Le visite alla Tomba della Quadriga Infernale, si svolgono tutto l’anno ogni sabato, alle 11.30 di inverno e alle 9.30 d’estate. La prenotazione è obbligatoria e va effettuata presso il Museo Civico Archeologico di Sarteano al numero0578269261 o agli indirizzi email: info.museo@comune.sarteano.si.it o museo@comune.sarteano.si.it.


visitare-sarteano-castello



Ma torniamo in paese, siamo rimasti al Museo Civico e da qui si comincia a salire lungo Via del Castello, e alla fine della strada un grande cancello vi annuncerà che siete giunti a destinazione. Finalmente siamo al castello, punto di importanza strategica fin dal 1300, anno in cui passò sotto il dominio di Siena. Il Castello di Sarteano è circondato da un parco spettacolare, con la piazza d’arme praticamente intatta ed il ponte levatoio che oltrepassa l’ultima cinta muraria.

La parte interna del castello è suddivisa su tre livelli ma la vera sorpresa si ha quando si arriva in cima: una vista mozzafiato che si estende a perdita occhio sulla Valdichiana, sul lago di Chiusi e Montepulciano. Una scala segreta a chiocciola riconduce fino a terra e percorrerla rievoca alla mente i grandi assedi che il castello ha subito nei secoli. La visita al parco è gratuita mentre c’è un biglietto per la visita del castello.


Degna di nota anche la tradizionale Giostra del Saracino che si tiene ogni anno a ferragosto, la rievocazione storica di un passato glorioso in cui giostratori a cavallo si sfidano in una gara senza tempo. I cavalieri si lanciano a galoppo verso il buratto, il bersaglio è un anello grande pochi centimetri da infilzare. Un torneo cavalleresco che vanta quattro secoli di storia, che in circa due settimane propone momenti emozionanti: dall’offerta dei ceri, al coinvolgimento della maratona, la spettacolare Festa di Fiocco e di Bandiera e l’eleganza del corteo storico che raggiunge il suo culmine con la giostra.



Se volete visitare Sarteano vi proponiamo di soggiornare al nostro agriturismo Palazzo Bandino, a Chianciano Terme, troverete un’accoglienza unica, vi sapremo coccolare con il nostro centro benessere, i prodotti della nostra azienda e tante sorprese.



MAPPA


Se ti interessano indicazioni di google clicca qui >>